Coding & Robotica

In Italia la robotica educativa, il coding e il pensiero computazionale sono stati introdotti nelle scuole grazie alla Direttiva ministeriale n. 39 del 30 novembre 2009 e al Piano Nazionale Scuola Digitale del 2015, nel quadro del quale sono stati avviati numerosi progetti di ampliamento ed integrazione dell’offerta didattica attraverso esperienze educative di sperimentazione di robot nelle scuole.

 

I VANTAGGI DELLA ROBOTICA E DEL CODING PER L’ETA’ PRESCOLARE

Sia la robotica sia la programmazione per la scuola dell’infanzia, sono strategie di insegnamento per favorire lo sviluppo dei processi cognitivi, socio-relazionali, emotivi degli alunni, per raggiungere obiettivi specifici di apprendimento.

Per questo Futurmakers mette a disposizione anche per i più piccoli la possibilità di interagire con dei robot e con delle sessioni di coding, nell’ottica di avvicinare al pensiero computazionale anche i bambini in età prescolare.

Nelle attività di robotica educativa il bambino è al centro del suo stesso apprendimento, e dopo una prima parte iniziale si avvia verso la sperimentazione e la scoperta: toccando e schiacciando i tasti si osservano le reazioni del robottino, come e dove si muove in base ai comandi impartiti.

Merito riconosciuto alla robotica educativa è quello di promuovere un apprendimento divertente ed in grado di coniugare la pratica con la teoria, poiché ha un approccio fortemente costruttivista, permette di trasformare il pensiero in qualcosa di concreto e tangibile – devo far avanzare Ozobot scrivendo il codice “avanti”.

Anche il coding è una nuova competenza base per la vita di tutti i giorni che è sempre più invasa dalla tecnologia. Per questo si rivela necessario, ora più che mai, permettere ai bambini di coltivare la possibilità di imparare il coding, per assicurare loro un ricco bagaglio di conoscenze ed esperienze per affrontare vittoriosi le future tecnologie.

 

VIVI L’ESPERIENZA DA GENITORE DIGITALE

Anche per i genitori è una preziosa occasione per riuscire a scoprire i molteplici vantaggi del coding, sfidando alcuni stereotipi legati all’utilizzo delle nuove tecnologie. Attraverso i laboratori di FuturMakers, si vivrà un vero e proprio accompagnamento tecnologico bambino- genitore e quest’ultimo vedrà come il bambino acquisti sempre più familiarità con il computer, e di conseguenza, svilupperà maggiori capacità di risolvere e affrontare problemi via via più complessi. Nel settore dell’educazione, questo bagaglio di attitudini sviluppate nel coding viene chiamato pensiero computazionale, ed è fondamentale anche per sviluppare la creatività e la capacità di cooperazione.