I vantaggi della robotica educativa

Oggi sempre più istituti scolastici hanno deciso di introdurre la robotica educativa all’interno dei loro programmi didattici. Scopriamo perché questo approccio è così efficace e quali sono i suoi vantaggi.

Che cos’è la robotica educativa?

La robotica educativa è un approccio metodologico innovativo alla didattica che prevede l’impiego dei robot e della loro programmazione per rendere l’insegnamento più efficace, coinvolgente e interattivo. Si tratta di un mondo con infinite possibilità creative, un ottimo metodo per imparare divertendosi, che fornisce anche ai più piccoli competenze logiche. 

Quali sono i robot più utilizzati nella didattica?

Viviamo nell’era dell’information technology e la robotica educativa oggi sembra essere la risposta più coerente alle esigenze del nostro tempo. Diversi sono i robot che attualmente vengono impiegati nella didattica delle scuole primarie e secondarie. Tra questi troviamo l’M-bot, un robot su ruote programmabile attraverso il linguaggio Mblock. I corsi di robotica educativa di FuturMakers che prevedono l’impiego di questo robot si propongono di spiegare ai ragazzi come avvengono le interazioni tra i sensori del robot con il mondo esterno.

Anche i bambini della scuola primaria possono, dunque, diventare dei veri e propri innovatori e non solo dei meri fruitori passivi. Un altro valido dispositivo robotico molto diffuso nella didattica per bambini è rappresentato dagli Ozobot, cioè piccoli robot (grandi appena 2,5 cm) in grado di muoversi e reagire su superfici fisiche e digitali, seguendo percorsi colorati. Questi robot sanno riconoscere oltre 1000 istruzioni e sono programmabili sia in digitale con l’app dedicata, sia attraverso l’uso di pennarelli colorati. 

Tra le tantissime alternative di dispositivi robotici impiegati in questo ambito troviamo anche Lego We Do. Si tratta di un kit robot di apprendimento pratico e molto efficace per quanto riguarda le materie STEM. Il set contiene al suo interno vassoi di smistamento, uno Smarthub, un motore medio, un sensore di movimento, un sensore di inclinazione e mattoncini intelligenti intercambiabili che consentono l’assemblaggio di differenti modelli. Il software di accompagnamento supportato da desktop e tablet fornisce un ambiente di programmazione facile da usare. Il software dedicato è stato programmato per aumentare la propria complessità in materia sempre più crescente.

Un’altra serie molto utilizzata nella robotica educativa è rappresentata dai Lego Mindstorms Education EV3, il kit composto da oltre 600 mattoncini intelligenti interscambiabili. Questo set consente di progettare assemblare e programmare ben 17 modelli di robot diversi. Grazie a una semplice connessione WI-FI o USB e al software di programmazione incluso, è possibile dare vita al proprio robot dalle sembianze animali. Questa versione presenta nuovi sensori infrarossi per il tatto e il colore, insieme ad altri elementi aggiuntivi che conferiscono potenza e velocità ai robot.

Quali sono i vantaggi della robotica educativa? Il metodo FuturMakers

Come abbiamo visto, i robot possono diventare dunque dei validissimi strumenti di supporto nella didattica scolastica, in ogni ambito STEM e in ogni grado di istruzione. Tutto questo oggi non è più fantascienza. L’adozione della robotica educativa nei programmi didattici rappresenta certamente una soluzione efficace sia per gli studenti che per i docenti coinvolti, soprattutto per quanto riguarda lo sviluppo di nuovi metodi di ragionamento e studio basati sui concetti di problem solving e learning by doing (il suo impiego consente di avere feedback sempre più immediati e pratici). Attraverso l’utilizzo dei dispositivi robotici programmati sono introdotti i concetti della matematica, della fisica e dell’informatica di base. Il loro impiego, inoltre, consente di fornire tutte quelle conoscenze base per l’apprendimento anche della domotica e delle più complesse automazioni. 

Tutti i corsi di FuturMakers sono tenuti in maniera ludica e appassionata da coach competenti e preparati. Abbiamo impostato alcuni laboratori e percorsi tecnologici per scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado, in orario curricolare ed extracurricolare modulabili a seconda della scuola e del docente, nell’ambito delle discipline STEM (Science, Technology, Engineering and Mathematics). Ci piace esplorare e far esplorare la tecnologia a 360° spaziando tra logiche di codice e componenti elettronici passando per il making, la robotica e il web design.  Dedichiamo da sempre una particolare attenzione alla ricerca e allo sviluppo di nuovi metodi didattici e di materiali innovativi, ludici e formativi nello stesso tempo.


Vuoi saperne di più sulle nostre iniziative e sui nostri prossimi appuntamenti? Contattaci. Il nostro team sarà felice di rispondere a tutte le tue richieste.